Professionisti
CONTATTACI

Da oltre venticinque anni mettiamo a disposizione dei clienti la nostra professionalità e personale qualificato nel campo del risparmio energetico.

Location
via P. Togliatti n. 73/A – 06073
Taverne di Corciano – Corciano (PG)
sostituzione_ammodernamento_impianti

Sostituzione e ammodernamento caldaie, stufe e caminetti. Perché migliori il comfort della tua casa.

Le nostre scelte quotidiane influenzano il nostro impatto sul pianeta e sulle nostre tasche. Una delle decisioni più rilevanti riguarda i sistemi di riscaldamento domestico, che spesso rappresentano una fonte significativa di emissioni di gas serra e di spreco energetico. Vediamo insieme perché è importante sostituire e ammodernare caldaie, stufe e caminetti per ridurre le emissioni, migliorare l’efficienza energetica e aumentare il comfort della nostra casa.

I dati AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali) 

L’energia termica da biomassa risulta essere la prima fonte in Italia, un pilastro delle rinnovabili nel 2030. È una fonte fondamentale per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione del 2050, poiché è possibile produrre biomassa da fonti rinnovabili come residui agricoli e forestali e può essere utilizzata in una vasta gamma di applicazioni, come il riscaldamento degli edifici e la produzione di acqua calda sanitaria riducendo così la dipendenza dai combustibili fossili.

Secondo il report di AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali), associazione delle imprese che operano lungo la filiera legno-energia: dai produttori di biocombustibili legnosi (legna, cippato, pellet) ai produttori delle tecnologie per trasformare questi biocombustibili in calore ed energia (stufe, inserti camino, caldaie, gruppi di cogenerazione), gli apparecchi più presenti sono quelli alimentati a legna da ardere (75,8%), seguiti da quelli alimentati a pellet (24,0%). Il turn over tecnologico ha ridotto in particolare la presenza di apparecchi poco efficienti come i camini aperti (dal 42% al 34% del parco installato nel 2021). Un andamento opposto è stato seguito dalle stufe a pellet, apparecchi automatici con tecnica di combustione evoluta (dal 6% al 21% degli apparecchi installati).

Tuttavia, è importante notare che l’utilizzo di biomassa per la produzione di energia termica può comportare problemi di qualità dell’aria se non viene gestito in modo responsabile. La combustione della biomassa può produrre particolato, monossido di carbonio e altri inquinanti atmosferici, il che può avere ripercussioni negative sulla salute umana e sull’ambiente.
Per mitigare queste problematiche, è necessario utilizzare tecnologie avanzate di combustione e di filtraggio delle emissioni, così come scegliere fonti di biomassa sostenibili e garantire una gestione responsabile degli impianti di produzione di energia termica da biomassa.

Il 66% degli apparecchi del parco installato ha più di 10 anni, il che significa che la maggior parte degli apparecchi non è stata ancora sostituita. Sebbene sia già avvenuto un certo riammodernamento degli impianti, c’è ancora molto da fare per sostituire la maggior parte degli apparecchi e ridurre ulteriormente le emissioni. Pertanto, è necessario promuovere e incentivare maggiormente il turn over degli apparecchi per ottenere risultati positivi sul fronte delle emissioni e dell’efficientamento energetico.  

Dati: AIEL, 2022. Il legno nel riscaldamento domestico e commerciale

È incoraggiante notare che ci sia una tendenza verso tecnologie più efficienti e pulite. Tuttavia, è necessario accelerare il processo di sostituzione delle tecnologie obsolete con tecnologie più avanzate. In effetti, le potenzialità delle tecnologie rinnovabili sono enormi. Secondo le stime, l’utilizzo di biomassa legnosa per la produzione di energia potrebbe sostituire fino a 9 miliardi di metri cubi di gas metano. Questo dimostra l’enorme potenziale delle fonti rinnovabili per ridurre la dipendenza dalle fonti di energia non rinnovabile e produrre energia in modo più sostenibile.

Riduzione delle emissioni di gas serra

Le vecchie caldaie, stufe e caminetti possono produrre grandi quantità di emissioni nocive, come il monossido di carbonio, gli ossidi di azoto e le particelle fini. Questi inquinanti atmosferici contribuiscono all’effetto serra e al cambiamento climatico, oltre a causare problemi di salute per gli individui che li respirano. Sostituire e ammodernare questi sistemi con soluzioni più ecologiche può ridurre drasticamente le emissioni di gas serra. Le caldaie a biomassa e le pompe di calore a basse emissioni rappresentano soluzioni popolari poiché utilizzano fonti di energia rinnovabile e sostenibile.

Miglioramento dell’efficienza energetica

Sostituire e ammodernare caldaie, stufe e caminetti può anche portare a un notevole miglioramento dell’efficienza energetica. I vecchi dispositivi di riscaldamento spesso consumano molta più energia di quanto sia necessario per mantenere una temperatura confortevole in casa, il che può tradursi in bollette energetiche più elevate e un impatto ambientale maggiore.

Le nuove tecnologie permettono di ottimizzare l’uso dell’energia e di ridurre gli sprechi. Ad esempio, un termostato intelligente può apprendere le abitudini degli occupanti di una casa e regolare automaticamente la temperatura in base alle loro esigenze, mentre un sistema di zonizzazione può riscaldare solo le aree effettivamente utilizzate.

Inoltre, l’isolamento termico delle abitazioni e l’utilizzo di materiali edilizi a bassa conducibilità termica possono contribuire a ridurre la quantità di energia necessaria per riscaldare gli ambienti, aumentando ulteriormente l’efficienza energetica.

Aumento del comfort domestico

Infine, sostituire e ammodernare caldaie, stufe e caminetti può migliorare significativamente il comfort della nostra casa. I vecchi sistemi di riscaldamento spesso non riescono a mantenere una temperatura costante e uniforme, il che può portare a zone fredde e correnti d’aria indesiderate. Le nuove tecnologie di riscaldamento offrono una distribuzione del calore più uniforme e un controllo più preciso della temperatura, il che può migliorare il comfort generale degli occupanti. Inoltre, i sistemi di riscaldamento più moderni sono spesso più silenziosi e meno invadenti rispetto ai loro predecessori, il che può ridurre il rumore e le vibrazioni indesiderate.

L’obsolescenza degli impianti

Man mano che emergono nuove tecnologie e soluzioni più efficienti, i vecchi sistemi di riscaldamento diventano sempre più obsoleti e, in alcuni casi, possono persino diventare incompatibili con le moderne infrastrutture energetiche.

Le normative e gli incentivi governativi spesso incoraggiano la sostituzione dei vecchi dispositivi di riscaldamento con soluzioni più sostenibili ed efficienti dal punto di vista energetico. Sono disponibili incentivi fiscali e sovvenzioni per l’installazione di caldaie, pompe di calore e altri sistemi di riscaldamento a basso impatto ambientale. Questi incentivi possono rendere l’aggiornamento dei sistemi di riscaldamento più accessibile e conveniente per i proprietari di case.

In conclusione, sostituire e ammodernare caldaie, stufe e caminetti è fondamentale per ridurre le emissioni di gas serra, migliorare l’efficienza energetica e aumentare il comfort della nostra casa. Tenendo conto dell’obsolescenza dei dispositivi tecnologici e approfittando degli incentivi e delle sovvenzioni disponibili, possiamo adottare soluzioni di riscaldamento più sostenibili ed efficienti, contribuendo al contempo a preservare l’ambiente per le generazioni future.

È quindi importante valutare attentamente le opzioni disponibili e prendere decisioni informate riguardo agli aggiornamenti dei sistemi di riscaldamento. Investire in nuove tecnologie e soluzioni più efficienti dal punto di vista energetico non solo ridurrà il nostro impatto ambientale, ma migliorerà anche la qualità della vita all’interno delle nostre abitazioni, rendendo gli ambienti più confortevoli e accoglienti

(Fonte dati: AIEL, 2022Il legno nel riscaldamento domestico e commerciale)

Visualizzazioni: 27